Israele nell’Ocse nonostante l’occupazione. Una vergogna!

Rivelata la bozza della valutazione del Comitato statistico dell’organizzazione, che legittima di fatto l’occupazione
(RED.SOC.) In esclusiva da Alternative Information Center BETLEMME – Nei giorni della visita mediorientale del vicepresidente statunitense Joe Biden per riavviare i colloqui di pace tra Israele e l’Autorita’ palestinese, il cui orizzonte sembra allontanarsi dopo l’annuncio del governo di Benyamin Netanyahu di costruire 1600 nuove unita’ abitative nella parte orientale di Gerusalemme, alcuni media internazionali svelano un documento confidenziale con cui l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico autorizza l’ingresso d’Israele nell’Ocse, nonostante l’occupazione dei Territori palestinesi.
Il testo, datato 1° febbraio 2010, si inserisce nel processo di valutazione della candidatura d’Israele per l’ingresso all’interno dell’Ocse, previsto per il prossimo mese di maggio.
Una certezza affermata il 3 marzo dal ministro dell’economia, Giulio Tremonti. Il documento, “Accession of Israel to the Organisation: Draft Formal Opinion of the Committee on Statistics” (disponibile ora a questo indirizzo: http://cryptome.org/israel-oecd.zip), e’ la bozza della valutazione del Comitato statistico dell’Ocse – il cosiddetto Cstat – dei dati presentati da Israele rispetto ai parametri economici richiesti ai membri dell’Ocse.

La presentazione dei dati e delle statistiche, spiega il documento, e’ “uno degli obblighi fondamentali per l’ammissione”, come espresso nella Convenzione fondante l’Ocse. Il documento nota come Israele abbia finora presentato i dati riguardanti non solo il territorio dello Stato d’Israele, ma anche Gerusalemme Est, le alture del Golan e le colonie in Cisgiordania, aree occupate illegalmente dal 1967, riflettendo il rifiuto di elaborare statistiche distinte per Israele e i Territori occupati.
Il rapporto non presenta pero’ questo punto come un potenziale elemento di non ammissione di Israele nell’organizzazione. Come spiega Shir Hever, economista dell’Alternative Information Center, “pare che l’Ocse voglia accogliere Israele e coprire i crimini dell’occupazione”. Il Comitato statistico “raccomanda la preparazione di uno studio insieme alle autorita’ israeliane per valutare l’impatto quantitativo delle alture del Golan, di Gerusalemme Est e delle colonie israeliane in Cisgiordania sui dati chiave aggregati a livello economico e sociale”, da presentare, tuttavia, dopo l’ingresso del paese nell’Ocse. Con questo testo, l’Ocse riconosce dunque implicitamente l’occupazione israeliana, legittimandola a livello internazionale. (mcr) (www.redattoresociale.it) 11:24 12-03-10

0 Responses to “Israele nell’Ocse nonostante l’occupazione. Una vergogna!”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: