Posts Tagged 'poesia'

Il Muro

Una poesia di Antonietta Chiarini letta nella giornata del 6 febbraio in occasione del Premio Chiarini

 Muro,

escrescenza livida

di cemento e di odio,

ti innalzi a separare

un’unica terra,

a dividere

affetti e ricordi,

muto,

come un sipario di pietra.

Continua a leggere ‘Il Muro’

Annunci

A Stefano Chiarini…

 

 

A Ste’,

te volemo dì ‘na cosa.

Si, a te, co quel soriso

co l’ironia che te faceva dì

“aò, compa’, dovemo fa’ ‘n partito comunista,

quello de dio”.

 A Ste’ tu ridevi

ma ce parlavi sempre de ‘na cosa

che non è una tra tante,

ma pe i popoli oppressi

è preziosa ed è importante.

 Tu ce l’avevi ne la penna,

ce l’avevi ner taccuino,

la facevi parlà co ‘na voce

forte immensa

che da là arivava qua,

quella de la resistenza.

 A Ste’ ce manchi

ma mica solo a noi, a tanti.

E mica solo qua anche là.

Là dove? Ma che nun ce lo sai?

 Ce sta la foto tua nella stanza più bella!

Quella ‘ndo i bambini e ogni bambina

se imparano a non scordasse mai

della loro storia e della loro terra

che è la Palestina.

I bambini de Chatila, si!

Tu li vedevi mentre che corevano

nei vicoletti, e ce lo sapevi

quanta forza ce sta

pure in quegli occhietti.

 Quelli se ricordano de te, Ste’,

che  ogni tanto arivavi, parlavi co tutti, scrivevi,

“ma che se scrive questo?”,

se saranno chiesti.

 A Ste’,

‘sti giorni pure

quanto potevi scrive

de Gaza e del sionismo

che cala ancora la sua scure.

Eh, Ste’,

che te lo dimo a fa’

quanto co te avemo capito

de quel diritto là

quello al ritorno, alla libertà,

alla lotta de ogni giorno

de chi, lo dicevi, non si arrenderà.

 “Semo qui, semo qui”,

lo dicevi sempre

quando che arivavi

posavi le valigie, e telefonavi.

Oggi lo continuamo a di’, Ste’.

perché stamo qui,

e nelle nostre valigie

ce stai pure te.